Indicizzare i Blob Storage con Azure Search

di ,

Nel mondo cloud di Microsoft i blob di Azure Storage sono lo strumento principale da usare per depositare file in modo sicuro, affidabile e scalabile. Si accedono via REST e con qualsiasi linguaggio, hanno uno spazio infinito (o quasi) e sono ampiamenti sfruttati dall'infrastruttura stessa.

Sulla stessa piattaforma, Azure Search è invece lo strumento dedicato ad indicizzare e offrire API REST per effettuare ricerche, suggerire e categorizzare documenti in senso lato. Entrambi gli strumenti possono essere usati congiuntamente perché non solo Azure Search è in grado di ricevere contenuti con uno schema da noi indicato, ma anche disporre di indexer che vadano a pescare contenuti dai blob stessi. Il motore è in grado infatti di indicizzare i contenuti di file come PDF, DOCX, XSLX, ZIP, XML e HTML, per citarne alcuni, e catturarne i metadati principali, come il titolo, l'autore e la lingua.

Collegare uno storage alla ricerca è ancora più facile. E' sufficiente recarsi sullo storage di riferimento e accedere alla sezione Add Azure Search. Ci viene proposto il servizio di Search da collegare, che deve già esistere.

Il wizard ci porta poi a selezionare lo storage e il container da indicizzare, eventualmente filtrando per cartella. Possiamo decidere se indicizzare solo i metadati o anche il contenuto. Se siamo certi del tipo di file possiamo indicare anche il parsing mode, su JSON o Plain text, altrimenti lasciamo il default che lascia il compito al motore di capire il tipo di parser più adatto.

Dopo un'analisi del container, il quale deve obbligatoriamente avere uno o più file campione, ci viene proposto il tipo di indice che verrà creato: il nome, la chiave di riferimento (il path del blob) e i cambi individuati con il tipo di operazione che vogliamo supportare.

Come ultimo step dobbiamo configurare l'indexer, cioè con quale frequenza indicizzare i nuovi blob o quelli cambiati, operazione effettuata tramite il LastModifiedDate del blob.

Fatta quest'ultima operazione non ci resta che andare nella sezione Azure Search e vedere che sono stati creati un index, un indexer e un data source. Possiamo procedere a più indexer per ottenere più potenza e partizionare i documenti da processare.

Premendo sull'indexer possiamo forzare l'esecuzione del motore, mentre accedendo all'index possiamo procedere ad un'interrogazione dell'indice.

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Indicizzare i Blob Storage con Azure Search (#142)
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi